Gruppo 83

Gruppo Poesia 83

Una fortunata trasmissione andata in onda su Radio Rovereto Stereo – poi diventata NBC Regione – puntualmente ogni domenica mattina tra il 1978 e il 1981, e condotta dal rimpianto Giorgio Zandonati, dal titolo TUTTI POETI, fu senz’altro il primo passo che poi portò alla realizzazione del “GRUPPO POESIA 83”. La formula di detta trasmissione era semplice: bastava spedire alla Radio le proprie poesie, in lingua o in dialetto, anche anonime, per chi non voleva essere riconosciuto. Giorgio e la sua compagna di lettura, Lorenza, le avrebbero interpretate nel corso del programma domenicale.
Diceva la sigla della trasmissione pressappoco così:
“Quante volte ognium de noi nel vedér ‘na bela scena: n’alba, en tramonto, ‘n fior, ‘na rozada, l’à dit… me piaseria esser en poeta per poderla descriver? Senza saér che ‘n fondo ‘n fondo… sem tuti poeti…”

Il risultato di questa semplice idea fu sorprendente: più di 2.600 poesie lette, e gli autori, tranne pochi casi,  avevano le loro poesie ancora nei loro cassetti. Questo appuntamento radiofonico fu l’occasione per alcuni dei partecipanti, che avevano la poesia nei sangue, di incontrarsi, di conoscersi e di sviluppare a poco a poco il progetto, allora ancora quasi impossibile, di creare un gruppo, un insieme di poeti, di trovarsi una sede decorosa. di mettere su un programma, di gettare insomma una base sulla quale poter costruire qualcosa.
Così, il 30 settembre del 1983, presso la sede del Movimento Pensionati e Anziani di Rovereto, venne approvato e firmato lo statuto dell’associazione, cui venne dato il nome di “GRUPPO POESIA 83”.
Presidente venne eletto Antonio Bruschetti, vice presidente Silvana Gottardi. Gli altri poeti che firmarono furono: Annamaria Ercilli Goio, Valerio Bottura, Gigliola Cestari, Alba Maria Mietto, Bruna Zenatti, Rina Emanuelli Bosio. Morena Giori, Italo Benedetti, Alberta Francesconi.
In seguito, alcuni del soci fondatori lasciarono il Gruppo, e altri poeti si aggiunsero man mano.
Nel 1986 (21 aprile) il GRUPPO rifece lo statuto, depositandolo presso l’Ufficio dei Registro e così nacque ufficialmente anche di fronte alla Legge. Antonio Bruschetti, per motivi di anzianità e di salute, lasciò la presidenza ad Italo Bonassi. Nel frattempo Giuliana Raffaelli Bonassi, che aveva già presentato più volte i poeti al pubblico roveretano, ne era diventata la speaker ufficiale.
Ora al Gruppo si andavano aggiungendo altri nomi, alcuni già noti, altri ancora da scoprire: Anna Maria Cielo di Rovereto, Claudio Perenzoni di Rovereto, Fily Alfonsi di Arco, Franco Aste italo svizzero di Basilea, Nives Cristoforetti di Rovereto, Gianfranco Arlanch di Mori, e, negli anni successivi, Pierino Darra, Miledy Baldo Barducchi e Giuliana Prantner di Rovereto, Ilo della Torre di Valsassina di Merano, Anna Dosso di Rovereto, Lorenzo Cosso di Trento, Vladimiro Forlese di Trento, Roberto Caprara  di Ala,  Massimiliano Unterrichter di Trento, Marco Lando di Pomarolo,  Piero Sartori ed Elena Falezza di Verona e il bolzanino di Vadena Roberto Marino.

Piano piano quindi il Gruppo era uscito dallo stretto ambito cittadino ed aveva acquistato una sua particolare fisionomia interregionale.
Il più grosso riconoscimento ufficiale a quell’epoca  venne dall’Assessorato Provinciale alla Cultura, con sede a Trento, che inserì il sodalizio, unico tra tutte le Associazioni trentine, nel programma Astrolabio: due serate di poesia sponsorizzate dalla provincia (estate 1992).
Ma già due anni prima (estate 1990), il Gruppo era entrato nel programma del Comune di Rovereto “Rovereto Estate”, con delle serate dedicate alla poesia in piazza Macallè, reiterate poi gli anni successivi, sempre d’estate, e sempre nel programma curata dall’Assessorato alla Cultura cittadino.
In seguito è sempre stato inserito in tale programma, con tre serate estive o in Piazza Loreto o nel Parco della Scuola Musicale, e infine al coperto, in sale di proprietà del Comune o di privati ( Sala Mozart, sala congressi Dame Inglesi ).
Nel corso negli anni man mano il Gruppo è andato infoltendo sempre più le sue fila con  l’arrivo di forze nuove, Giuliano Moscatelli di Mori, Giacomo Manzoni di Chiosca di Lavis,  Marzia Todero di Trento, Maria Antonietta Rotter  di Povo / Trento, Angelo Magro di Nave San Michele, Ettore Benoni di Ronzo-Chienis, Doris Bussola di Volano, Ornella Fait di Noriglio, Marco Maria Orlandi di Milano, il bolzanino  Thomas D’Addezio  di Ora e la veronese di Sant’Ambrogio di Valpolicella Maria Pia Venturini.
Non meno prestigiose, nella storia del Gruppo, le trasferte a Mestre, a Merano, a Verona, a Cremona, a Mantova, e in decine di località trentine, ospite di Istituzioni comunali o associazioni culturali.

Nel 1996 uscì il primo numero di Quaderni, il numero zero, grazie alla collaborazione dell’Assessorato alla Cultura di Rovereto, un bimestrale inizialmente di modesta veste grafica, poche pagine e 50 copie, tutte contenenti poesie dei soci, grazie ad una vecchia fotocopiatrice  in uno sgabuzzino della sede dell’Assessorato. E i soci si dovevano arrangiare da soli alle fotocopiature e alle fascicolazioni  dei Quaderni. Col passare del tempo il Comune mise a disposizione del gruppo una bella sala dell’Ufficio Tecnico con una fotocopiatrice moderna e soprattutto più veloce. La tiratura passò a 350 copie e alle 60 pagine attuali. Comunque ai soci restava il compito di provvedere alle fascicolazioni, ma non più alle fotocopiature. Era già un passo avanti. Nel gennaio del 2012 il Comune di Rovereto, con un nuovo consiglio comunale, decretò la fine dei Quaderni. Dopo 16 anni il nostro bimestrale, unico nel suo genere nel Trentino, perché dedicato alla poesia e alla critica letteraria, doveva morire.
Ma a permetterne la continuazione ecco intervenire immediatamente l’Assessorato alla Cultura della Provincia Autonoma di Trento, che già conosceva i Quaderni ricevendoli puntualmente ogni due mesi, e che si offrì di stamparli nella stamperia provinciale. Questa volta non più con delle semplici fotocopiatrici ma con vere e proprie rotative. Con stampa e veste grafica piacevolmente degne di un bimestrale di cultura letteraria. E con tutte le 350 copie pronte fascicolate e cartonate  in stamperia. Unica incombenza a carico del Gruppo l’invio ogni due mesi del testo completo per posta elettronica ( e-mail ) al Servizio Attività Culturali della Provincia, collegato con l’Assessorato Provinciale alla Cultura. Un altro passi avanti, il massimo cui potevamo aspirare, visti i modesti  inizi artigianali e le vicissitudini superate. Così, col numero 2 di marzo del 2012, il Gruppo Poesia 83 poté finalmente offrire ai suoi lettori un bimestrale di vero prestigio, con stampigliato sulla IV di copertina lo scudetto con l’aquila sormontata da una corona, simbolo della Provincia Autonoma di Trento.

Altro fiore all’occhiello del Gruppo Poesia 83 il Premio Nazionale di Poesia “La Rondine” e il Premio Nazionale di Poesia Giovani “Fabrizio Vaccari”, quest’anno (2013) alla XV edizione, sponsorizzato dalla Cassa Rurale di Rovereto oltre che da una socia del Gruppo, e da diversi privati, e che ha visto vincitori di diverse zone d’Italia.
Le prime edizioni avevano avuto come sede  un modesto negozio di generi alimentari ( specialità pugliesi ) a Trento, di proprietà di un  socio, poi la sede prestigiosa del Centro Culturale Rosmini di Trento, e quindi quella definitiva dell’Auditorium della Cassa Rurale di Rovereto.
Per concludere, non  si può non ricordare con nostalgia le decine di trasmissioni radiofoniche presso l’ex Radio Rovereto Stereo condotte da Giuliana Bonassi con la collaborazione del Gruppo, dedicate alla poesia trentina e non, che ancora molti ricordano con simpatia (Sull’onda della poesia). Trasmissioni che hanno fatto conoscere ai trentini tutti i poeti  trentini. Si può ben dire che alla ex Radio Rovereto Stereo  tutto  il mondo poetico trentino debba darne atto.
 

Come ultima postilla, un pensiero commosso verso quelli del Gruppo che nel frattempo ci hanno lasciati per sempre: ad Antonio Bruschetti, ad Alba Maria Mietto, ad Anna Dosso, a Giuliana Prantner, a Fily Alfonsi, ad Alberta Francesconi e a Gianfranco Zanella. Anche se non fisicamente, sono ancora qui con noi, con i loro versi. Anche grazie ad essi il nostro Gruppo è cresciuto.

(Italo Bonassi)


IL TRENTENNALE DEL GRUPPO POESIA 83
20 settembre 1983 – 30 settembre 2013

Trent'anni insieme

Trent’anni insieme

Trent’anni di vita oggigiorno sono assai pochi per un  uomo, ora che la vita si va allungando, tanto che si scrive e si parla quasi con disappunto che l’Italia sta diventando un Paese di vecchi, come se un Paese di giovani fosse più auspicabile, senza pensare che un Paese di giovani si può avere solo se si muore giovani e ci si sogna di arrivare ad un’età avanzata.
Trent’anni invece sono una bella età per un’associazione di scrittori, e il Gruppo Poesia 83 ha festeggiato tale ricorrenza in forma solenne presso la bellissima sede delle Dame Inglesi di Rovereto sabato 28 settembre, con un centinaio di invitati, principalmente poeti ma anche amanti della poesia e amici del Gruppo, tutti uniti idealmente ad ascoltare il discorso di apertura, quello di saluto agli ospiti, del Reggente della Campana dei Caduti di Rovereto, il senatore Alberto Robol, col quale il Gruppo collabora in alcune prestigiose manifestazioni organizzate dall’Opera Campana.
Oltre al senator Robol hanno portato il saluto cittadino il vicepresidente della Comunità di Valle dott. Roberto Bettinazzi e diversi altri rappresentanti delle pubbliche istituzioni, tra i quali ex Sindaci ed ex Assessori alla Cultura di Rovereto.
Tra i sodalizi di poeti, presenti in gran numero il Cenacolo di Cultura e Poesia Dialettale di Trento, col suo presidente Elio Fox e  il Cenacolo di Poesia Dialettale Berto Barbarani di Verona, e poi gli amici dell’associazione poetica Al Fogoler di Mantova col loro presidente Sergio Aldrighi, i bolzanini Poeti dell’unterland, gemellati col Gruppo Poesia 83, col loro fondatore e  contemporaneamente nostro socio Roberto Marino, il Cenacolo Beltrami  di Verona, la PROMART di Trento,  e tanti altri operatori culturali e poeti trentini e no a noi legati da anni da un vicendevole senso di amicizia e collaborazione, tra  quali il poeta e critico letterario Giorgio Ragucci, la presidente dell’associazione culturale Il Furore dei Libri e il presidente della PROMART Antonio Cossu.
In mattinata nella bellissima sala riunioni delle Dame Inglesi si è svolta, dopo l’intervento del presidente del Gruppo, Italo Bonassi, che ha fatto un excursus sui 30 anni di vita dell’associazione, la presentazione della quarta antologia del Gruppo Poesia 83 dal titolo Trent’anni insieme, con letture da parte dei soci del Gruppo di una propria poesia a testa.
Quindi tutti insieme in un ristorante cittadino, perché non è vero che carmina non dant panem, dove ci ha raggiunto un  vero e prezioso amico del Gruppo, al quale dobbiamo la pubblicazione da parte della Provincia Autonoma di Trento dei nostri Quaderni, oltre alla sponsorizzazione del nostro Premio Nazionale di Poesia La Rondine, il senatore dott. Franco Panizza.
Per concludere degnamente la giornata, una visita sul Colle di Miravalle, sopra Rovereto, alla Campana della Pace Maria Dolens, la Campana dei Caduti, che batte ogni sera i suoi cento colpi per ricordare tutti i soldati morti in guerra. E dove ci aspettava a fare gli onori di casa il Reggente, senatore Alberto Robol.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...