Poesie in dialetto

I òmini del sol
In t’el scur  dele vecie caniséle
i xe vignudi fuor  cole bandiere
de luse i òmini del sol
a piturar l’aurora.
I va de via in via
pian, a ciòr sù le onbre,
a ciùder i echi ai grili in’tele andròne.
In un umor de opàl de bruma
el naviga el filspinà del’Orsa
lontan, con un  timon de stele
sliso, come ‘na strica de ‘apis gialo.
I òmini del sol i va pai pòrteghi
lezièri in’te la zipria de l’aurora,
a carezar de luse i vivi e i morti,
a dismissiar i gali parché i canti.
Pian el se sveja un sòfigo de bora.
Le va, nel scur, le barche, pien de stele
pescade in ziel. I canta, i pescadori,
la nina nana ale sepe e ai folpi.
E i va, i cocài, e i ciama, a svejàr i pessi.
La luna, n’ostia in zima a la marina.
( Italo Bonassi, 1999 )

Gli uomini del sole
Nel buio dei vecchi vicoletti / sono venuti fuori con le bandiere / di luce gli uomini del sole / a pitturare l’aurora. / Vanno di via in via / piano, a prendere sù le ombre, / a chiudere gli echi ai grilli nei cortili. / In un alone di opale di bruma / naviga il ferro spinato dell’Orsa, / lontano, con un timone di stelle / liso, come una striscia di lapis giallo. / Gli uomini del sole vanno per i portici, / leggeri,  nella cipria dell’aurora, / a carezzare di luce i vivi e i morti, / a svegliare i galli perché cantino. / Piano si sveglia un soffoco di bora. / Vanno, nel buio, le barche, piene di stelle / pescate in cielo. Cantano, i pescatori, la ninna nanna alle seppie e ai polpi. / E vanno, i gabbiani, e chiamano, a svegliare i pesci. / La luna, un’ostia in cima alla marina.


Venere
Co’ che la note a ‘l primo sguìz de luna
la se popola de ‘n mar de stele,
la xe tuta‘na soneria de grili,
un cantar e far gheto in’tel’erba.
Anca i morti i vien sò de i zimiteri
a gòderse ‘n fià d’aria bona e neta,
e i ciacola coi bissi e le anguane;
‘na ridarìa  a sbregabòn de rane
e un sbarufar de gali in caponèra.
Note sacra. La splendi, sò, in solfòra,
Venere, zarièsa primarióla.
Magio xe tuto ‘n fior. E i ziga e i svola
i pipistrei su i copi e su le gorne.
cola luna in camisa de flanela.
( Italo Bonassi, 2000 )

Venere
Quando la notte al primo guizzo di luna / si popola di un mare di stelle, / c’è tutta una soneria di grilli, / un cantare e far casino nell’erba. / Anche i morti vengono su dai cimiteri / a godersi un poco d’aria buona e pulita / e chiacchierano con i vermi e con le anguane; / tutta uno sganasciarsi dalle risa delle rane  / e un baruffare di galli nel pollaio. // Notte sacra. Splende, sù, ad oriente, / Venere, ciliegia primaticcia. // Maggio è tutto un fiore. E gridano e volano / i pipistrelli
sulle tegole e sulle grondaie, / con la luna in camicia di flanella.


Dio, ripòsite
Dio, ti a volte ti me fa paura,
tanto ti xe eterno, savio, grando,
grando de più del ziel, de l’universo,
tuto ti ti pòl, ti fa e distrighi
soto i tui pié, tuto ti ti regoli
come ti vòl, le nuvole, le stele,
el sbuf de aria e l’usma de la foja,
ti ti dà l’aqua a l’aqua e ‘l fogo al fogo,
el diòl al dente e la vose al canto,
ti ti ne dà la vita e te la robi.
Dio, ti ne tien tuti sotomàn,
òmini, sorzi, séleghi e sisìle,
ti movi ‘l sol, le stele, i uséi, le rane,
i lièvri e le piègore e ti ordini
a le piére e ai alberi de star fermi,
e ai cunéi de corer. Oh sì, ‘nsoma,
ti ti dà vose al ziel co’ che tonìza
e vien el tenporal. Ma ogi, Dio,
ciòl ‘na carèga, séntite e riposa.
Dio, tira ‘l fià. Ogi xe domenica.
Lassa fiorir senza de ti la ròsa.
( Italo Bonassi, 2003 )

Dio, ripòsati
Dio, a volte tu mi fai paura./ tanto sei eterno, savio, grande, / grande più del cielo, dell’universo, / tutto tu puoi, tu fai e amministri / sotto i tuoi piedi, tutto tu regoli / come tu vuoi, le nuvole, le stelle, / lo sbuffo d’aria e il respiro della foglia, / tu dai l’acqua all’acqua e il fuoco al fuoco, / il dolore al dente e alla voce il canto, / tu ci dai la vita e ce la rubi. / Dio, tu ci tieni tutti sottomano, / uomini, topi, passeri e rondini, / tu muovi il sole, le stelle, gli uccelli, le rane, / le lepri e le pecore e ordini / alle petre e agli alberi di star fermi / e ai conigli di correre.  Oh sì, insomma, / tu dai voce al cielo quando tuona / e viene il temporale. Ma oggi, Dio, / prendi una seggiola, siediti e riposa. / Dio, tira il fiato. Oggi è domenica. / Lascia fiorire senza di te la rosa.


La scarsèla
Mi no’ so coss che gò in scarsèla,
forsi un pér de schei – do o tre euri  –,
forsi la fede di chi no’ gà più fede
o ‘na s’cianta de sol, o ‘na ridàda,
‘na lacrima, o, chi sa, forsi la luna
cascada in t’una pocia, – luna bela,
icona de la note, madonina
che ‘n ziel  de autuno sòfiga de stele. –
Meto ‘na man in’te la scarsèla,
ciòlgo sò dò euri:  i me par pochi,
tanto che no’ so  coss che se pòl  farghe,
forsi  cronpàr un zigo o  dò de grili.
Me basterìa gavèr ne la scarsèla
e ciòrlo sò,  come se ‘l fussi el Tuto,
el Gnente de ‘n pìe de ‘na zigàla
o de un  ocio de ‘n grilo,  come Dio
che de‘n pugno de tera e ‘na spudàda
el ne gà fati Adamo, e, dopo, Eva.
Tuto e Gnente, dò robe che le incanta:
fico ‘na man in fondo a la scarsela
e ciolgo sò la morte, e la par bela.
Ghe dago ‘na spudada: prima o dopo
la dopro. Ma intanto che la tasa,
che la me lassi in pase, e no’ la ronpa;
poi, vedarò, e la ciamerò Adamo.
( Italo Bonassi, 2003 )

La tasca
Io non so che cosa abbia in tasca, /  forse un paio di monete, – /- due o tre euro -, / forse la fede di chi non ha più fede, / o uno sprazzo di sole, o una risata, / una lacrima, o chi  lo sa, forse la luna / cascata in una pozzanghera, – luna bella, / icona della notte, madonnina / che un cielo d’autunno soffoca di stelle. // Metto una mano  nella tasca, / prendo su due euro: mi paiono pochi, / tanto che non so cosa si possa farne, / forse comprare un grido o due di grilli. / Mi basterebbe avere
nella tasca, / e prenderlo sù, come se fosse il Tutto, / il Niente di una zampa di cicala / o di un occhio di un grillo, come Dio / che da un pugno di terra e una sputata /ci ha fatti Adamo e, dopo, Eva. // Tutto e Niente: due cose che m’incantano: / ficco una mano in fondo alla tasca / e tiro sù la morte, e mi pare bella. / Le dò una sputata: prima o dopo / l’adopero. Ma intanto che stia zitta, / che mi lasci in pace e non rompa; / poi, vedrò, e la chiamerò Adamo.

Annunci

4 thoughts on “Poesie in dialetto

  1. girando per il tuo blog sono arrivata anche qui, e dico anche per fortuna,perchè ho trovato queste poesie di una bellezza incredibile.Venere è uno spettacolare quadro di una notte animata e divertente ,chiassosa e colorata e direi anche romantica.
    Dio Riposati è un’affettuosa e accorata invocazione che mi piace tantissimo nella dolcissima chiusura …”Lascia fiorire senza di te la rosa.”
    Incantevole Gli uomini del sole ,che non so perchè mi fa pensare a un quadro naif con quella luna, un’ostia in cima alla marina.
    Buona serata Italo ,grazie per l’opportunità che mi dai di leggerti e Buon Ferragosto !

    Liked by 1 persona

  2. Solo ora rientrato a casa ho letto il tuo bellisimo commento alle mie poesie in dialetto istriano ( Pola ) Un dialetto che veniva parlato da 350 mila istriani, quasi tutti fuggiti tra il 1944 e il 1946, terrorizzati dal programa di epurazione etnica degli slavi di Tito ( hai mai sentito delle foibe ? ) Era la mia genta, la mia terra. Diversi miei parenti sono stati gettati vivi nelle foibe insieme a migliaiia di altri istriani. Ma ragioni di equilibrio politico tra il mondo comunista e quello occidentale hanno fatto sì che si parlasse, quasi sommessamente, del genocidio, e solo molto dopo la caduta del muro di Berlino E i 350 mila istriani si sono dispersi in tutta Italia e molti anche all’estero.
    Io per fortuna non ho vissuto quegli anni di terrore, ma buona parte dei miei parenti. gli zii, i nonni, sì. Il dialetto istriano non esiste quasi più, io sono tra i poochi che cercano di farlo ancora vivere.
    Con affetto e grazie per avermi letto

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...